CISP Saharawi Ricostruzione post Alluvione ottobre 2015

I campi di rifugiati Saharawi in Algeria sono stati seriamente colpiti dalle alluvioni iniziate il 17 ottobre, che si sono protratte per oltre dieci giorni provocando forti danni al 70% delle strutture pubbliche (ospedali, scuole, dispensari) e degli alloggi familiari.
Le cifre degli sfollati sono andate progressivamente crescendo: dalle prime cifre del Comunicato congiunto delle agenzie ONU del 29/10/15, si contano oltre 60.000 sfollati (pari a circa il 20% della popolazione dei campi), 11.400 famiglie senza tetto sono state accolte nelle strutture ancora agibili e nei ripari inviati d’emergenza dalla Protezione Civile Algerina e dalla Wilaya di Tindouf (Circoscrizione algerina più vicina ai campi) e dall’ACNUR per via aerea.

Gli interventi esterni, tra cui il Governo italiano che ha stanziato 200.000 euro, si sono attivati sotto il coordinamento dell’ACNUR, ed è stato costituito un coordinamento per il monitoraggio dei bisogni e degli aiuti. Su alcuni giornali italiani e stranieri si è data prontamente notizia.

Grazie ai contributi accordati da rilevanti istituzioni italiane ed internazionali è stato possibile contribuire al ripristino d’emergenza di strutture pubbliche per i servizi di base nei campi dei rifugiati Saharawi, a seguito della situazione di emergenza provocata dalle alluvioni dell’ottobre 2015.

Interventi con fondi dell’UNICEF
L’UNICEF ha risposto all’emergenza alluvione stanziando fondi per una pronta riabilitazione di scuole e asili d’infanzia, individuati tra le strutture più danneggiate, secondo il coordinamento di emergenza creatosi in loco, convocato dalle istituzioni saharawi, le agenzie ONU e le ONG presenti, tra le quali il CISP.
Con i fondi UNICEF, 100.000 dollari, il CISP sta riabilitando 5 strutture educative:

  • Nella Wilaya di Al Ayun:
    le scuole: Mahjoub El Khadir e 8 Marzo e l’asilo d’infanzia della daira Hagounia
  • Nella Wilaya di Smara:
    gli asili d’infanzia delle daire di Mahbes e Bir Lehlou

La popolazione infantile beneficiaria è in totale di 3.000 bambini.

Categorizzazione delle strutture danneggiate:

Interventi con fondi della Tavola Valdese – Fondi 8 x 1000 
Anche la Tavola Valdese si è prontamente adoperata per la ricostruzione mettendo a disposizione risorse aggiuntive destinate all’emergenza. A gennaio 2016 ha stanziato 90.000 euro per il ripristino di un asilo nella Wilaya più lontana e colpita dall’alluvione, Dahla. 

Obiettivo Specifico: Ripristino di locali per l’accoglienza e accudimento di bambini in età prescolare. Il progetto consiste nell’acquisto e istallazione di un prefabbricato dell'unico asilo della daira (comune) di Birenzarane, Wilaya di Dahla, identificato in base alle indicazioni ricevute dalla Ministra dell'Educazione Saharawi e sulla base del coordinamento degli interventi. 

La popolazione di riferimento della daira servita dall'asilo è di 2.145 persone. L'asilo è frequentato da 105 bambini (52 bambini e 53 bambine). La frequenza degli alunni è organizzata in 3 turni.

Interventi con fondi della Regione Emilia-Romagna. 
Il Tavolo Paese “Campi dei Rifugiati Saharawi”, riunitosi il 2 novembre, convocato d’urgenza dall’Ufficio di riferimento della Regione Emilia-Romagna, sulla base delle informazioni pervenute in vario modo e a diverso titolo, sulla base delle disponibilità dichiarate dalla Regione, ha espresso l’orientamento d’intervenire per il ripristino di strutture pubbliche, dando priorità alla Wilaya di Smara, essendo il luogo dove si sono concentrati per la maggior parte gli aiuti provenienti da questa regione, e a mettere in sicurezza edifici pubblici per i servizi educativi e sanitari di base, anche tra quelli precedentemente costruiti e/o riabilitati da enti componenti del Tavolo Paese. La Regione ha messo a disposizione 30.000 euro dai fondi diretti destinati all’emergenza per le seguenti azioni.

Obiettivi Specifici
- Ripristino d’urgenza di strutture pubbliche educative e sanitarie. 
- Redazione di una Guida per il rafforzamento delle tecniche di costruzione e riabilitazione nei campi saharawi, a cura di Guido Moretti.

Strutture sanitarie di base:  

  • il dispensario di riferimento della daira di Tifariti 
  • ​il dispensario di riferimento della daira di Farsia 

l’Ospedale Regionale, in particolare le due sale di intervento d’urgenza e la sala di medicina interna 
Le popolazioni di riferimento delle daire afferenti ai dispensari individuati: 
daira Tifariti: 4.909 abitanti 
daira Farsia: 4.390 abitanti;
La popolazione di riferimento per l’ospedale regionale di Smara è 35.488;

Strutture educative di base:

  • Scuola primaria “Abda”, collocata nella daira di Tifariti
  • Scuola primaria Mostafa Ahmed, collocata nella daira di Igderia 

Le popolazioni di riferimento delle daire afferenti alle due scuole individuate: 
daira Tifariti: 4.909 abitanti 
daira Igderia: 5.655 abitanti
La Scuola Abda (Tifariti), conta complessivamente 1.023 alunni, e si compone di 16 classi, di cui 8 classi danneggiate gravemente e 8 danneggiate lievemente. 
La Scuola Mostafa Ahmed (Igderia), conta complessivamente 933 alunni.



Related Stories
Related Analysis